Convegno 13 giugno 2016 “Digitale: cambio di cultura” Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio

 

Introduzione - 9.30 Sandro Gozi, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Politiche e Affari Europei “Generazione Erasmus nell’Europa digitale.” Mikael Damberg, Ministro dell’Impresa e dell’Innovazione, Svezia (in attesa di conferma) “L’innovazione in Svezia.” La trasformazione digitale in Europa - 10.30 Emanuele Baldacci – Director Methodology, corporate statistical, IT services, CIO EUROSTAT “Lo scenario europeo: i dati sulla trasformazione digitale.” La trasformazione digitale in Italia - 10.45 Giorgio Alleva – Presidente ISTAT “L’integrazione delle fonti e l’analisi dei big data nelle statistiche ufficiali.” Antonio Samaritani – Direttore Agenzia per l’Italia Digitale, Presidenza del Consiglio “Sviluppare le competenze digitali nei cittadini e nella PA valorizzando le persone.” Agostino Santoni – Amministratore Delegato Cisco Italia “Digitaliani” Cambio di cultura - 11.30 Felicia Pelagalli, Presidente Associazione InnovaFiducia e Founder Culture “Mappare le competenze e le culture digitali.” Il cambiamento nella Comunicazione - 11.45 Marco Bardazzi, Direttore Comunicazione Eni “Piattaforme digitali di narrazione aziendale.” Antonio Di Bella, Direttore RaiNews24 “La TV nella diffusione della cultura digitale” Massimo Russo, Co-Direttore La Stampa “Il quotidiano 3.0: promuovere pensiero critico e cultura digitale” Il cambiamento nei valori – 12.30 Gianmaurizio Cazzarolli, Direttore Area Valore alle Persone Associazione InnovaFiducia “Dal controllo alla valorizzazione: dare fiducia alle persone.” Ernesto Ciorra, Direttore Innovazione e Sostenibilità ENEL Group “Open innovability, per innovare in maniera sostenibile.” Luigi Maccallini, Vice presidente Associazione InnovaFiducia "La centralità della persona" Conclusioni – 13.00 Sandro Gozi, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Politiche e Affari Europei

“Siamo in un momento straordinario, di profonde innovazioni sociali. Ma le persone e le organizzazioni fanno fatica ad adeguarsi, spesso per paura del cambiamento. La rete fa saltare le catene gerarchiche nelle imprese, si passa dal controllo all’empowerment della persona, dalla privacy alla trasparenza assoluta, tutto all’insegna della sperimentazione”.

Continua a leggere…

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...